120° Aggiornamenti 1 novembre 2011  QUADRO n. 13
Entra nella Bacheca dei Visitatori

Questo sito aderisce a
Leggi l'Accordo del  Progetto Storia e Memoria della Campagna di Russia

barraApre
spacerLeft
www.centoventesimo.com
spacerRight
 
Leggi l'accordo
 
 

MOSTRA
Ritorno sul Don
Presso Le Gallerie di Piedicastello - Trento

19 novembre 2011 al 30 settembre 2012

 
     
 

"Ritorno sul Don 1941-1943" si propone di raccontare la storia della spedizione militare italiana in Unione Sovietica durante la Seconda Guerra Mondiale attraverso oggetti e testimonianze documentarie inedite provenienti da istituzioni culturali russe e italiane.
Un doppio sguardo – quindi – su una vicenda che costĂ² pesanti perdite alle divisioni alpine e di fanteria dell'Esercito Italiano impegnate in quell'area: secondo le fonti ufficiali, morirono ben 74.800 uomini, mentre 26.690 tornarono con gravi sintomi da assideramento.
La mostra, di grande impatto grazie anche a moderne tecnologie multimediali, sarà inaugurata il 19 novembre 2011 alle ore 17.00, ed è realizzata in collaborazione con importanti musei ed enti di ricerca russi.
Allestimento in Galleria Nera e in Galleria Bianca.

A cura di Quinto Antonelli, Giuseppe Ferrandi, Lorenzo Gardumi e Giogio Scotoni

Una realizzazione della Fondazione Museo storico del Trentino (direttore: dott. Ferrandi), del Museo centrale della grande guerra patria e dell'Università statale agraria di Voronež (V.G.A.U.) con la collaborazione di:

Archivio statale regionale di Voronež (G.A.V.O.)
Complesso museale federale di Vladimir-Suzdal, Vladimir
Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
Museo etnografico storico di Rossoš'
Museo nazionale storico degli alpini, Trento
Museo storico italiano della guerra, Rovereto
Studio d'arte figurativa Grekhov, Mosca

Di seguito alcuni cenni sugli enti russi coinvolti nell’evento.

Museo centrale della rande guerra patria, Mosca
Ul. Bratev Froncenko, d.10

Direttore: Vladimir Ivanovich Zabarovskij
SitoWeb>>
La massima istituzione museale russa – deputata alla divulgazione della storia della Grande Guerra patria – accoglie ogni anno più di un milione di visitatori e migliaia di scolaresche in visita didattica.
Concepito fin dal 1942, il progetto museale fu avviato nel 1986 e terminato nei primi anni '90.

Università statale agraria di Voronež (V.G.A.U.)
Fondata nel 1912, l'Università statale agraria di Voronež istituì un proprio museo storico militare nei primi anni Novanta. Qui sono raccolti i reperti più significativi rinvenuti da gruppi di volontariato studentesco durante le campagne estive per la ricerca ed esumazione dei militari – sovietici e non – caduti nelle battaglie sul Don negli anni 1942-1943. Molti di questi cimeli appartengono al Regio Esercito italiano che nella regione di Voronež schierava otto delle dieci divisioni componenti l'ARMIR. Dal 2003 l'Università statale agraria di Voronež ha avviato una fertile cooperazione sull'epopea italiana al fronte russo con il Liceo Da Vinci di Trento, con l'ANA e le principali realtà museali trentine.

Archivio statale regionale di Voronež (G.A.V.O.)
Ul. Plekhanov, 7

SitoWeb

Complesso museale federale di Vladimir-Suzdal, Vladimir
Ul. Bolshaja Moskovskaja, d.43

Direttore: Svetlana Evgenevna Mel'nikova
SitoWeb1>> Museo Vladimir-Suzdal
SitoWeb2>> Museo Vladimir-Suzdal
È il cuore del circuito storico-artistico del cosiddetto Anello d'Oro, il sistema di antiche città russe (XII-XIV sec.) che cinge Mosca da oriente. Fondato nel 1956, il complesso museale si articola su più siti: Vladimir – capoluogo di regione –, le cittadine di Suzdal, Gus Khristalnij (la Murano russa), Bogoljubovo e Kideshkij, per un totale di 56 monumenti d'architettura e una ventina di musei.
Il monastero Spaso Efimoskij di Suzdal è tra le opere proclamate dall'UNESCO patrimonio dell'umanità; durante la guerra fu sede del lager 160 per ufficiali prigionieri. Oggi ospita una sezione dedicata agli internati militari italiani.

Museo etnografico storico di Rossoš'
Direttore: Alim Jakovlevich Morozov
Il museo è situato nell'edificio costruito nei primi anni '90 dai volontari ANA per ospitare l'asilo donato alla città di Rossoš'. Gran parte dell'esposizione è dedicata ai soldati del Corpo d'Armata Alpino, che proprio in quel sito aveva dislocato il suo Comando.
La raccolta di reperti è stata curata personalmente dal professor Morozov, durante trent'anni di ricerche sul campo.

Studio d'arte figurativa Grekhov, Mosca
Ul. Sovetskoj Armij d.4

Direttore: Andrej Petrovich Sokolov
SitoWeb
Fondato nel 1934, raccoglie le principali opere grafiche e d'arte plastica a carattere storico-celebrativo realizzate in URSS dagli artisti al servizio del Ministero della Difesa.
Comprende oggi venti artisti fra pittori e scultori, tutti in servizio permanente effettivo nelle forze armate, un accademico veterano di guerra, una decina di fonditori e il personale d'archivio.
In 75 anni di attività lo Studio Grekhov ha realizzato oltre 70 diorama e complessi di pittura parietale, a cominciare dal primo e più famoso dedicato alla Battaglia di Stalingrado. Nei fondi dello Studio sono custoditi la maggior parte dei manifesti di propaganda per l'Armata Rossa (realizzati nel corso della Grande Guerra patria) e una raccolta di schizzi dal vivo disegnati al Processo di Norimberga.

LE GALLERIE
Piedicastello, Trento

Orari e giorni di apertura
da martedì a domenica ore 9.00-18.00
Lunedì chiuso - Ingresso libero
www.legallerie.tn.it

***

FONDAZIONE MUSEO STORICO
DEL TRENTINO

Via Torre d'Augusto 35-41 38122 Trento
Tel. +39 0461 230482 - Fax +39 0461 1860127
www.museostorico.it - info@museostorico.it

 
     
     
 
MOSTRE
 
 
Ritorno sul Don
recensione di Patrizia Marchesini
 
     
barraChiude
 
home